Mi piace ricordare Massimo Troisi, nel giorno del suo compleanno con un sorriso.

Un uomo lieve, garbato, che ha saputo dipingere dei quadri che rimarranno per sempre, ma usando l’acquerello con tinte delicate.